Associazione CLESSIDRA
VIAGGI

· Dal 14 al 17 febbraio 2020:
NAPolI 2020

Napoli non stanca mai. Se una visita nel suo centro regala sorprese ad ogni angolo, i suoi dintorni sono ugualmente affascinanti, ricchi di arte, storia e natura. Abbazia di Fossanova, “Monumento Nazionale” nel 1874, costituisce il più antico e splendido esempio d’arte gotico-cistercense in Italia. Luogo di morte di San Tommaso d'Aquino, frate domenicano, religioso, teologo, filosofo e accademico italiano. Passeggiata tra i Decumani: visita al complesso di San Domenico Maggiore (le Arche Aragonesi, la Sacrestia e la cella di San Tommaso), il chiostro di San Gregorio Armeno (la Fontana, il Coro, il Refettorio). Visita alla Neapolis sotterrata (guida interna): rilevante sito archeologico presente nel centro storico di Napoli, sia per valore monumentale e topografico, sia per il suo inserimento all’interno del complesso angioino di San Lorenzo Maggiore. All’interno del chiostro settecentesco è visibile parte del macellum, il mercato romano, databile alla seconda metà del I secolo d.C.: esso era costituito da uno spazio porticato rettangolare, su cui si aprivano botteghe, e da un cortile interno scoperto e pavimentato a mosaico, al centro del quale era collocata una tholos, un edificio circolare destinato alla vendita degli alimenti. Visita al Complesso Monumentale di Donnaregina (Museo Diocesano), che offre un interessante ed unico itinerario tra gotico e barocco. Si può ammirare la chiesa trecentesca di Donnaregina Vecchia e la chiesa seicentesca di Donnaregina Nuova. Sono esposti dipinti provenienti dalle tante chiese napoletane e dalla Cattedrale. Tra i tanti, troviamo quadri di Luca Giordano, Aniello Falcone, Andrea Vaccaro, Francesco Solimena, Massimo Stanzione, Charles Mellin, Mattia Preti, Paolo De Matteis. Sono inoltre visibili preziosi oggetti liturgici in oro e argento e di particolare valore è la Stauroteca di San Leonzio, croce reliquiario con frammento della Santa Croce, in oro filigranato del XII secolo, con gemme e smalti cloisonnés. Pompei: (guida locale) le novità, come la Casa dei Vettii restaurata; l'anfiteatro, il primo del mondo antico; sosta alla caserma dei gladiatori, all'interno della quale potremo ammirare i ritrovamenti recenti della area vesuviana, come cibo, vasellame, vetri, affreschi ed oggetti di uso quotidiano sopravvissuti allo scorrere del tempo; l’orto dei fuggiaschi con i calchi delle vittime che cercarono scampo verso le mura; lungo via della Abbondanza visiteremo la Fullonica di Stefano (lavanderia), una delle 5 ritrovate a Pompei; le terme; il lupanare; il foro. Villa di Poppea a Oplontis: costituiva l’estensione suburbana di Pompei e, nell’eruzione del 79 d.C., ne condivise la sorte. Già nel Settecento furono avviati i primi scavi che portarono alla luce parte di quella che verrà poi ritenuta, successivamente, la villa di Poppea, seconda moglie dell’imperatore Nerone. Rientra tra i beni che l’Unesco ha dichiarato Patrimonio dell’Umanità. Salita con la funicolare per visita al quartiere del Vomero: Certosa di San Martino e passeggiata verso piazza Vanvitelli.

 

A cura di Valentino Scrima.

Scaricare il programma completo (pdf)
Per partecipare è necessario aderire all'Associazione Clessidra.

 

· Dal 27 febbraio al 3 marzo 2020:
DA NARVIK ALLE ISOLE LOFOTEN
alla ricerca dell’aurora boreale in NorvegiA

Fenomeno naturale che ha da sempre un grande fascino e che si manifesta nell’emisfero nord del pianeta. Le aurore boreali sono prodotte da particelle elettriche che colpiscono la ionosfera creando uno spettacolo di luce incredibile. I mesi dove è più frequente il fenomeno sono febbraio e marzo, nella lunga notte polare, durante la quale spesso il cielo offre uno spettacolo di luci verdi, gialle e blu. Narvik: Museo della ferrovia; il nuovo Museo della Guerra. Partenza alla volta delle meravigliose isole Lofoten attraverso una strada panoramica. Leknes: nella parte centrale delle Lofoten, dove si trovano le deliziose casette tipiche dei pescatori. Parte sud dell’arcipelago delle Lofoten: meraviglia della natura dove il paesaggio sembra surreale. Le montagne alte e scoscese si tuffano letteralmente nell’acqua scolpendo profili unici e indimenticabili. Å i Lofoten e Reine: piccoli villaggi di pescatori con uno charme incomparabile. Nusfjord, che rientra nella lista del patrimonio dell’UNESCO. Nella parte settentrionale delle Lofoten vi sono posti di rara bellezza, tra i quali spicca Henningsvær, il centro di pescatori più vasto dell’intera regione, da cui godere di un’imperdibile vista sul porto. Bardu: visita al magnifico Polar Park, con varie specie di fauna artica: renne, alci, volpi artiche, orsi, linci e buoi muschiati. Durante il nostro viaggio, dopo cena, con un po’ di fortuna sarà possibile vedere l’aurora boreale semplicemente uscendo fuori dall’hotel con una passeggiata, in luoghi dove vi sono le condizioni migliori e le più alte probabilità di avvistamento di questo fenomeno.

 

Scaricare il programma completo (pdf)
Per partecipare è necessario aderire all'Associazione Clessidra.

 

· Sabato 14 e domenica 15 marzo 2020:
FIRENZE 2020

Firenze è la città del Rinascimento e dell’arte italiana e grazie al suo eccezionale e inesauribile patrimonio artistico, testimonianza della sua secolare civiltà, intraprendiamo anche quest'anno un itinerario tra i suoi tesori. Basilica di San Lorenzo: è la chiesa dei Medici e un tempo cattedrale di Firenze. La facciata grezza nasconde meraviglie. La sacrestia vecchia, capolavoro del Quattrocento, è opera del Brunelleschi ed è decorata con affreschi di Donatello. San Lorenzo è il luogo di sepoltura della famiglia Medici, ed in particolare in quelle che vengono chiamate Cappelle Medicee, a cui si accede dal retro della chiesa. Il complesso comprende il sontuoso Mausoleo dei Principi, sfarzoso ambiente ottagonale sormontato da una cupola, seconda per maestosità in città dopo quella del Brunelleschi e la michelangiolesca Sagrestia Nuova, concepita come cappella funeraria della famiglia Medici, con le tombe di Lorenzo il Magnifico e di Giuliano, posizionate e costruite secondo un progetto di Michelangelo. Palazzo Davanzati: prende il nome dalla famiglia dei Davanzati, terzi proprietari, ed è una tipica dimora nobiliare fiorentina del Trecento, conservata pressoché intatta dopo le ultime modifiche subite nel 1838. Nel 1904 fu restaurata e arredata dall’ultimo proprietario in stile trecentesco e nel 1910 fu aperta al pubblico come Museo della tipica casa fiorentina. Nel suo complesso è un’interessante testimonianza di passaggio dalla casa-torre medievale alla dimora rinascimentale. Chiesa di Santa Margherita dei Cerchi: all'interno della chiesa, sull'altare maggiore, si trova la pala con la Madonna in trono con le sante Lucia, Margherita, Agnese e Caterina d’Alessandria di Neri di Bicci (XV secolo). E’ considerata anche la 'chiesa di Dante', che qui forse sposò Gemma Donati e potè conoscervi l’amata Beatrice Portinari, la cui famiglia aveva qui le proprie sepolture. Museo di Casa Martelli (guide interne): affascinante scrigno che contiene ancora oggi opere importanti, scarsamente conosciute, Palazzo Martelli svela al pubblico le "stanze paese" a piano terra, l'elegante scalone, la magnifica quadreria con le stanze del piano nobile, i saloni giallo e rosso, la cappella, il salone da ballo. Palazzo Medici Ricciardi: il primo palazzo dei Medici, dove vissero Cosimo il Vecchio e Lorenzo il Magnifico e dove lavorarono artisti come Donatello, Michelangelo, Paolo Uccello, Benozzo Gozzoli e Botticelli. Dentro il Palazzo si può ammirare la Cappella dei Magi, affrescata nel 1459 da Benozzo Gozzoli che raffigurò sulle sue pareti la cavalcata dei Re Magi.

 

A cura di Costanza Cimarelli.

Scaricare il programma completo (pdf)
Per partecipare è necessario aderire all'Associazione Clessidra.

 

· Dal 16 al 19 aprile 2020:
LA RIVIERA DI ULISSE

Suggestivi e ricchi di storia sono i borghi e le città della Riviera di Ulisse in provincia di Latina. La Riviera di Ulisse, che si estende da San Felice Circeo a Formia è un territorio ricco di testimonianze storiche e archeologiche ma anche naturalistiche e paesaggistiche. Vanta borghi tra i più belli d’Italia, scorci e paesaggi marini di inestimabile bellezza, che non sono sfuggiti alle grinfie della nobiltà romana che in età imperiale elesse il territorio a luogo prediletto per i momenti d’ozio. Il luogo è terreno fertile per gli amanti dell’arte e vanta una lunga serie di reperti appartenenti a varie epoche, nonché interi complessi archeologici che nulla hanno da invidiare ai più visitati del Belpaese. SPERLONGA: passeggiata nel borgo medioevale, area archeologica con Grotta di Tiberio affacciata sul Tirreno. TERRACINA: centro storico medioevale (città alta), con cattedrale e Museo Capponi. Attraversamento lungo l'antico decumano della città che corrisponde alla via Appia, lungo il quale si affacciano antichi templi e chiese medievali e barocche. Borgo marinaro (città bassa). Tempio di Giove Anxur sul monte Sant'Angelo. FONDI: centro storico, le bellissime e antiche mura romane, Duomo di San Pietro Apostolo, con battistero duecentesco. FORMIA: itinerario sotterraneo nella grandiosa e suggestiva cisterna romana; Mausoleo di Cicerone, certamente uno dei complessi archeologici più importanti del comprensorio; Museo archeologico, con sculture di elevato livello artistico. GAETA: repubblica marinara e luogo di villeggiatura già ai tempi degli antichi romani, sorge sullo sperone di Monte Orlando, in un magnifico golfo. Centro storico medioevale, "Cappella d'Oro", con un pregevole ciclo pittorico. Salita con la navetta al mausoleo di Munazio Planco, sulla vetta del monte Orlando, dove si ammirano il Circeo, le isole Pontine, il Vesuvio, l'intero golfo e la catena degli Aurunci. Parco del Circeo (km 40): una delle più antiche aree naturali protette d'Italia. All’interno, la grandiosa villa di Domiziano. Tappa finale a San Felice al Circeo.

 

A cura di Valeria Gerli.

Scaricare il programma completo (pdf)
Per partecipare è necessario aderire all'Associazione Clessidra.

 

· Dal 28 aprile al 3 maggio 2020:
IL MOLISE ESISTE!

Il Molise è una terra ancora incontaminata e ancora ingiustamente poco conosciuta, che racchiude in sè numerose tipologie di turismo: dalla montagna al mare, dai sapori dell'enogastronomia, alle tradizioni, passando per aree di forte interesse storico e artistico. In pochissimi chilometri di distanza si concentrano aree archeologiche, piccoli incantevoli borghi medievali sulle colline, antiche chiese. Regione snobbata fin dall’antichità, il Molise negli ultimi anni ha raggiunto una popolarità senza precedenti, in Italia e all’estero, grazie a una leggenda metropolitana che ha spopolato nel mondo del web e che vuole che la regione non esista. “La cospirazione molisana” si è presto trasformata in fenomeno culturale: al tema sono stati dedicati libri, canzoni, video, monologhi teatrali e articoli. Il Molise, considerata la “Cenerentola d’Italia”, è quindi recentemente riemerso dalla sua secolare oscurità, con i suoi tesori storico-artistici da scoprire. CAMPOBASSO: passeggiata nel borgo medioevale, tra vicoli e case in pietra con caratteristici cortiletti. Museo Sannitico, che permette un viaggio nel Sannio prima, durante e dopo i Sanniti. ROCCAVIVARA: Monastero della Madonna del Canneto, maestoso complesso in un contesto ambientale molto suggestivo. AGNONE: Pontificia Fonderia di campane Marinelli, il più antico stabilimento al mondo per la fabbricazione delle campane. PIETRABBONDANTE: monumentale sito archeologico del Santuario Italico, in posizione panoramica dominante la valle del Trigno. SEPINO: sito archeologico di Saepinum, resti della città romana con la tipica divisione in cardo e decumano. GAMBATESA: castello a dominio della valle, la cui struttura da fortilizio fu trasformata in dimora principesca rinascimentale. Foto stop al lago di Occhito. MATRICE: chiesa di Santa Maria della Strada, tra le basiliche più intriganti del Molise per la sua architettura, leggende, storia, arte, ma anche per i suoi misteri. SAN VINCENZO AL VOLTURNO: cripta di Sant'Epifanio, i cui affreschi sono un esempio del movimento pittorico longobardo beneventano. Abbazia di San Vincenzo al Volturno, con la sua particolare cripta anulare. VENAFRO è uno tra i più belli e incantevoli borghi della regione. Castello Pandone, con opere del territorio regionale di grande valore storico. Museo Archeologico, che permette di conoscere meglio l'insediamento sannitico e la Venafro di età imperiale.

 

A cura di Costanza Cimarelli.

Scaricare il programma completo (pdf)
Per partecipare è necessario aderire all'Associazione Clessidra.

 

· Dal 20 al 25 maggio 2020:
NEL CUORE DELLA SCOZIA

La Scozia, aspra, selvaggia e bellissima, con la sua atmosfera trasognante e surreale è anche suonatori di cornamusa vestiti con kilt, castelli infestati da fantasmi, cavalieri senza macchia e senza paura, laghi abitati da mostri leggendari e mitologici. Ma non è solo questo. È molto di più. La Scozia è la Nazione più iconica della Gran Bretagna. Non si può negare che evochi un fascino particolare, dovuto principalmente alla sua storia e alle sue leggende. Un Paese in grado di regalare forti emozioni con i suoi paesaggi unici, la bellezza della natura selvaggia e la modernità delle città cosmopolite. La Scozia è famosa per l’arte, la storia e le tradizioni, di cui di fatto vive. EDIMBURGO: romantica e dark, colta e spiritosa, è un piccolo gioiello, giustamente considerata una delle più belle capitali d’Europa. Biblioteca e giardino del New College, uno dei centri più grandi e rinomati per gli studi. Chiesa di St Cuthbert, circondata da un antico e suggestivo cimitero. National Gallery: una delle più importanti gallerie d'arte della Gran Bretagna (Botticelli, Guercino, Guido Reni, Gian Lorenzo Bernini e la seconda versione delle Tre Grazie di Canova. Nella New Town, la Rosslyn Chapel, con le sue intense e bellissime decorazioni. GLASGOW, la più grande città della Scozia, città ideale per gli amanti dell'architettura e del design. Glasgow City Chambers, il Municipio in stile Beaux-Arts; l’imponente Cattedrale di San Mungo, formidabile esempio di architettura gotica scozzese. Kelingrove Museum, galleria d'arte ricca di capolavori di arte europea. Pausa per un tè alle Willow Tearooms, le più celebri sale da tè della città, progettate da Charles Rennie Mackintosh. Università, con i suoi affascinanti chiostri; Hunterian Art Gallery, con la splendida Mackintosh House. HELENSBURGH: visita alla Hill House, una delle più famose opere di Mackinto. Giro in barca sull’incantevole lago Lomond, circondato da boschi e con le 37 isole al suo interno. LUSS, uno dei villaggi più belli di Scozia. NEW LANARK, cotonificio del XVIII sec., uno dei 6 siti patrimonio UNESCO in Scozia. Nella zona dell’Ayrshire, visita guidata allo spettacolare Castello di Culzean, che si erge su uno sperone roccioso. Dumfries House, favolosa villa di campagna del 1750, in un maestoso parco.

 

A cura di Alberto Marchesini.

Scaricare il programma completo (pdf)
Per partecipare è necessario aderire all'Associazione Clessidra.

 

· Dal 10 al 15 giugno 2020:
ROMANiA: BUCAREST E I CASTELLI MEDIEVALI IN TRANSILVANIA

La Romania è un paese affascinante, ricco di cittadine medievali con castelli e fortezze, chiese in legno e monasteri dipinti, villaggi nascosti tra le colline e i boschi. Una terra meravigliosa, posta a confine tra il mondo occidentale e quello orientale, con alcuni dei paesaggi di montagna più belli d'Europa. BUCAREST: romantica e splendida per la sua architettura che richiama lo stile della Belle Époque e che le ha permesso di conquistare il soprannome di “piccola Parigi”. Giro panoramico. Museo Nazionale di arte Romena, con opere di Domenico Veneziano, Antonello da Messina, El Greco, Tintoretto, Jan Brueghel il Vecchio, Pieter Paul Rubens, Rembrandt, Claude Monet e Alfred Sisley. Palazzo del Parlamento, costruito durante Ceausescu, è il secondo più grande palazzo amministrativo del mondo dopo il Pentagono. Si attraversa la valle del fiume Olt, ammirando bellissimi paesaggi. CURTEA DE ARGES: visita al monastero, somigliante ad una fortezza di pietra. Monastero Cozia del XIV secolo, uno dei complessi storici e d'arte più antichi in Romania, con affreschi originali. SIBIU: Capitale Europea della Cultura nel 2007, nota all’epoca per il suo sistema di fortificazioni. Visita al centro storico. BIERTAN: villaggio fondato da coloni sassoni nel sec. XI. Chiesa fortificata, patrimonio Unesco, costruita nel punto più alto del villaggio. SIGHISOARA: la più bella e meglio conservata cittadella medioevale della Romania, città natale del celebre Vlad l’Impalatore, noto a tutti come il Conte Dracula. VISCRI: tipico villaggio transilvano. Chiesa di Viscri, Patrimonio Mondiale Unesco. BRASOV: una delle più affascinanti località medioevali della Romania. Quartiere di Schei con la chiesa Sfantul Nicolae e la prima scuola romena (XV sec). SINAIA, denominata “la Perla dei Carpazi”, la più nota località montana della Romania. Castello Peles, uno dei più bei castelli d’Europa, residenza reale costruita alla fine del XIX sec. in stile neogotico tipico dei castelli bavaresi. BRAN: visita al castello conosciuto con il nome di Castello di Dracula, uno dei più pittoreschi della Romania.

 

A cura di Valentino Scrima.

Scaricare il programma completo (pdf)
Per partecipare è necessario aderire all'Associazione Clessidra.

 

· Sabato 13 e domenica 14 giugno 2020:
FAENZa E FORLÌ: «Ulisse. L’Arte e il Mito»

FAENZA: Cattedrale di San Pietro apostolo, espressione dell'architettura rinascimentale. Palazzo Milzetti, museo nazionale dell’età neoclassica in Romagna: è l'esempio più ricco e più integro di quell'elegante civiltà architettonico-decorativa che in età neoclassica fiorì a Faenza, facendone una piccola capitale del gusto. Palazzo Laderchi: con forme neocinquecentesche che preludono al neoclassico. FORLÌ: al Museo San Domenico, visita alla mostra "Ulisse. L’arte e il mito. Il grande viaggio raccontato da Omero a De Chirico", che racconterà un itinerario senza precedenti, attraverso capolavori di ogni tempo: dall’antichità al Novecento, dal Medioevo al Rinascimento, dal naturalismo al neoclassicismo, dal Romanticismo al Simbolismo, fino alla Film art contemporanea. Un percorso emozionante a scandire una vicenda che ci appartiene, che nello specchio di Ulisse mostra il nostro destino. 150 gli artisti e 170 le opere che saranno in mostra a Forlì: dallo splendido marmo della testa di Ulisse del I secolo d.C., proveniente dal Museo Archeologico di Sperlonga e appartenente al gruppo marmoreo di Atenodoro, Agisandro e Polidoro, scelta come immagine della mostra, alla testa di Polifemo del II secolo, proveniente da Torino; dalla Penelope del 1510 di Domenico Beccafumi, dalla Pinacoteca Manfrediana di Venezia, all’Ulisse di Giorgio De Chirico, collezione privata, sino alla Circe Invidiosa del preraffaellita John William Waterhouse che giungerà eccezionalmente a Forlì dall’Australia. Al termine, visita alla Cattedrale di Santa Croce: spiccano all’interno il Crocifisso romanico e la grandiosa cappella della Madonna del Fuoco. Visita all’abbazia di San Mercuriale, simbolo della città, con pregevoli opere conservate al suo interno.

 

A cura di Anna Torterolo.

Scaricare il programma completo (pdf)
Per partecipare è necessario aderire all'Associazione Clessidra.

 

· Dal 25 al 28 giugno 2020:
HORTUS CONCLUSUS: ALLA SCOPERTA DEI GIARDINI ARTISTICI

Un tour tra la Toscana, il Lazio e l'Umbria, alla scoperta dei Giardini artistici: itinerari bizzarri e insoliti, fatti di arte immersa nel verde, in cui le installazioni di artisti antichi e contemporanei si fondono in un contesto naturalistico arricchendolo con le proprie forme e i propri colori. Luoghi magici dove statue, installazioni, opere d’arte tra le più surreali e bizzarre, concepite da artisti visionari che preferiscono i grandi spazi aperti alle sale dei musei, si inseriscono in splendidi contesti naturali. Il genio della natura a volte può fondersi armoniosamente con quello umano, dando vita a risultati sorprendenti! GIARDINO "LA SCARZUOLA": magica “città ideale” a Montegabbione. Si tratta di una città-teatro concepita dall’architetto milanese Tommaso Buzzi. Un agglomerato surreale praticamente perfetto, l’utopia fatta urbanesimo. Bolsena: passeggiata nel borgo e visita alle catacombe di Santa Cristina, una della più grandi testimonianze paleocristiane di tutta la Tuscia. A Capalbio, il GIARDINO DEI TAROCCHI di Niki De Saint Phalle, un parco artistico popolato di statue ispirate alle figure degli arcani maggiori dei tarocchi. Qui l'artista si è dedicata, per più di diciassette anni, alla costruzione di un mondo fantastico, uno spazio fuori dal tempo. PARCO DEI MOSTRI DI BOMARZO: probabilmente uno dei luoghi più incredibili che vi possa capitare di vedere nel nostro Paese, un complesso monumentale dalla finzione scenica travolgente, un mondo onirico, assurdo, ludico ed edonistico. GIARDINO DI VILLA LANTE a Bagnaia: una delle maggiori realizzazioni del Cinquecento italiano, un luogo incantato votato parco più bello d'Italia nel 2011. GIARDINO DI DANIEL SPOERRI a Seggiano, alle pendici del Monte Amiata, è un parco artistico unico nel suo genere in Italia. Visita al borgo di Civita di Bagnoregio, la "città che muore”. Uno dei Borghi più belli d’Italia, si ammira il suo aspetto fuori dal tempo e l’atmosfera magica che si può percepire passeggiando tra i suoi stretti vicoli. Arroccato su una collina, minacciato da frane e dall’erosione del terreno, per raggiungerlo bisogna attraversare un ponte lungo 200 metri.

 

A cura di Alberto Marchesini.

Scaricare il programma completo (pdf).
Per partecipare è necessario aderire all'Associazione Clessidra.

 

· Dal 16 al 20 settembre 2020:
MISTICA UMBRIA

Regione spirituale e misteriosa, terra mistica per eccellenza, meta prediletta di pellegrini e viaggiatori, l’Umbria è protagonista anche di una spiritualità laica, grazie a quel rapporto intimo ed esclusivo con la natura, il paesaggio, i capolavori dei grandi maestri della pittura. GUBBIO: tra le più antiche città dell'Umbria, meravigliosamente conservata nei secoli e ricca di monumenti che testimoniano il suo glorioso passato. Chiesa di San Francesco della Pace: una delle prime chiese costruite in memoria del Santo di Assisi. PERUGIA: con i 5 rioni racchiusi tra le mura etrusche, è una città d'arte ricca di storia e monumenti. Collegio del Cambio: celebre soprattutto per la Sala delle Udienze affrescata dal Perugino. Collegio della Mercanzia: la sala dell'Udienza è completamente ricoperta da un rivestimento di legno. Cappella San Severo: al suo interno un affresco eseguito da Raffaello Sanzio. Galleria Nazionale dell’Umbria: una delle più ricche raccolte d'arte in Italia, dal XIII al XIX secolo. SPELLO, uno dei borghi più belli d'Italia. Chiesa di Santa Maria Maggiore, con la Cappella Baglioni, celebre per gli affreschi di Pinturicchio. ASSISI, adagiata sulle pendici del Monte Subiaso e costruita con la tipica "pietra rosata", con l'atmosfera di profonda spiritualità che la storia e la fede dei suoi Santi rendono unici nel mondo. Centro storico e Basilica di San Francesco, con la Cappella Bacci e il ciclo di affreschi della Leggenda della Vera Croce, dipinti da Piero della Francesca. Museo del tesoro: la collezione ospita un centinaio di opere fra pitture, sculture, oreficerie, arazzi e manoscritti miniati. Itinerario sotterraneo, di grande impatto visivo ed emozionale. Tempio di Minerva, oggi chiesa cristiana, domina la piazza medievale. Basilica Santa Chiara, uno dei luoghi di culto più importanti, oltre che una preziosa testimonianza storico-artistica. Rocca maggiore: si staglia sul colle che sovrasta Assisi, da cui si gode uno stupendo panorama. Cripta di San Rufino: ipogeo sotto la cattedrale, che risale al tempo della Basilica ugoniana (XI secolo). Eremo delle carceri: immerso in un bosco di lecci, vi si ritirava San Francesco affinché si potesse "carcerare" nella meditazione. Al termine del viaggio, attraversiamo le Marche per visitare le spettacolari grotte di Frasassi, complesso formato da una serie di grotte carsiche sotterranee, e a Genga la Chiesa di San Vittore alle Chiuse, uno dei monumenti romanici più significativi della Regione.

 

A cura di Costanza Cimarelli.

Scaricare il programma completo (pdf).
Per partecipare è necessario aderire all'Associazione Clessidra.

 

· 16, 17, 18 ottobre 2020:
VENEZIa 2020

Complesso della Basilica di San Marco: chiesa, museo, pala d’oro, tesoro. Visita con guida specializzata all’orologio di San Marco: funzionamento e meccanismo. Visita guidata allo squero della famiglia Tramontin e Figli, che costruiscono gondole dal 1884. Museo storico navale, con una sala dedicata al Bucintoro, l'antica imbarcazione da cerimonia del doge e una dedicata alla ricca collezione di conchiglie donata da Roberta di Camerino. CHIOGGIA, chiamata la “Piccola Venezia”, la cui struttura ha sempre incuriosito studiosi, viaggiatori e scrittori. Visita al centro storico, Cattedrale di Santa Maria Assunta, eretta su progetto di Baldassarre Longhena; Chiesa di San Domenico, duecentesca, con un dipinto di Carpaccio. PELLESTRINA: bellissima isola della laguna, con le variopinte facciate delle abitazioni, è un piccolo mondo dove si vive ancora all'antica.

 

A cura di Costanza Cimarelli.

Scaricare il programma completo (pdf).
Per partecipare è necessario aderire all'Associazione Clessidra.

 

· Dal 20 al 29 ottobre 2020:
CINA: universo di colori

La Cina è un paese immenso. È stata la culla di una civiltà fiorente, che per cinquemila anni ha vissuto in questa terra, plasmando e tramandando di generazione in generazione una cultura che da sempre affascina i visitatori di tutto il mondo. Le tracce di questa antica civiltà si possono ammirare ancora oggi, non solo nella forte identità culturale che caratterizza il popolo cinese, ma anche in tutti gli inestimabili tesori sopravvissuti nel corso dei secoli, molti dei quali sono stati dichiarati Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO. Il fascino della Cina è dovuto anche ai suoi panorami mozzafiato, diversi nelle forme e nei colori spostandosi in lungo e in largo per il paese.
SHANGHAI: visita panoramica. Sosta sulla strada lungofiume su cui si affaccia il grandioso porto fluviale sul Huang-po, e passeggiata sulla Nanjing road, la principale arteria commerciale cittadina. Giardino del Mandarino Hu e passeggiata nella “città vecchia”, con un ricco bazar popolare. Tempio del Buddha di Giada: il tempio buddista più famoso di tutta la città e anche uno dei più noti dell’intera Cina. ZHUJIAJIAO: piccolo villaggio con i caratteristici ponticelli antichi di epoca Ming, intersecato da numerosissimi canali. SUZHOU: definita la "città della seta" ed anche la "Venezia della Cina". Visita al museo della produzione di seta e al Giardino del Maestro delle Reti, risalente al XII secolo, in parte rinnovato nel Settecento. La Collina della Tigre comprende pagode, edifici, torri, padiglioni e archi, costruiti a seconda della forma della collina stessa, così formando un paesaggio unico. LINTONG, dove sono state portate alla luce, dal 1974 ad oggi, circa 10.000 statue divenute famose con il nome di “Esercito di Terracotta”. In una serie di gallerie sotterranee sono state rinvenute circa 10.000 statue, a grandezza naturale, di guerrieri e di cavalli; un intero esercito schierato in battaglia, con carri ed ogni equipaggiamento guerresco secondo la strategia dell'epoca. Visita alla piazza della Pagoda della grande Oca e visita alla Pagoda della Piccola Oca Selvatica. Passeggiata nel quartiere musulmano della città. In serata, banchetto tipico e spettacolo di musica e danze tradizionali cinesi. PECHINO: capitale della Cina per circa 800 anni, e uno dei suoi maggiori centri culturali. Culla dell’Impero cinese e di numerose dinastie, l’enorme città conserva il fascino della tradizione e della storia orientale, pur mostrando un volto moderno e proiettato verso il futuro. Giro orientativo dalla città, con sosta al centro olimpico. Visita del quartiere tradizionale degli houtong, con file di siheyuan, le tradizionali case a corte. Piazza Tien An Men ("Porta della Pace Celeste"), simbolo della Cina di ieri e di oggi. Città Proibita, il palazzo imperiale meglio conservato in Cina, oltre che il più grande palazzo antico del mondo. Palazzo d'Estate: considerato il giardino imperiale meglio conservato al mondo, è il più grande nel suo genere ancora esistente nella Cina moderna. Banchetto serale dell'Anatra laccata. BADALING: visita alla Grande Muraglia cinese, una sette meraviglie del mondo moderno, imponente, lunghissima (7300 km!).

 

Scaricare il programma completo (pdf).
Per partecipare è necessario aderire all'Associazione Clessidra.

 

Sito aggiornato il 2 gennaio 2020

© Associazione Culturale CLESSIDRA